Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Zeus Longhi
Zeus Longhi
05/07/2019 13:32

Questo gioco narra della veglia funebre di un essere incommensurabile, cui partecipano i quattro giocatori, nelle vesti di quattro esseri straordinari. Compito di questi quattro esseri è, nell’attesa del funerale, rivivere delle storie, apparentemente scollegate da questo scenario, che porteranno poi delle spiegazioni sulla vita e sulla morte dell’essere supremo celebrato nella veglia. Il procedimento è scandito: ci sono ruoli e momenti precisi per compiere ogni azione e una sola azione specifica può essere compiuta in quel momento. Le storie vengono create seguendo passo passo le azioni, che delineano uno scenario molto ben costruito, vivace ed emozionante. Alla fine di… Leggi il resto »

Daniele Sanna
Daniele Sanna
05/07/2019 15:08
Reply to  Zeus Longhi

Grazie per la bella recensione! Effettivamente il gioco è stato inizialmente concepito per essere giocato durante la lettura, ma le procedure erano molto più stringate e presupponevano una certa conoscenza di molte “procedure standard” tipiche del mondo “forgita”. Ho sacrificato quindi l’immediatezza a favore dello “spiegone”, in modo da cercare di renderlo fruibile anche ad un completo neofita del gioco di ruolo. In una eventuale riscrittura probabilmente manterrei lo stile “a la Un Penny Per I Miei Pensieri” e ci aggiungerei un flusso di gioco schematizzato, che purtroppo non ho avuto il tempo di fare per rispettare la scadenza. Grazie… Leggi il resto »

koboldinabox
08/07/2019 23:08

Cosa vi è piaciuto del gioco? Ci è piaciuta la creazione delle storie da parte di tutti i giocatori: in questo modo tutti sono coinvolti nella scena anche se c’è un cambio di protagonisti. Usare le carte come fonte di ispirazione sia per i Protagonisti che per gli Obiettivi, aiuta molto senza mettere paletti alla fantasia. Macro e Micro sono sicuramente due ruoli che si ispirano a vicenda, chi nelle minuzie, chi nelle descrizioni di ampio respiro, dando colore e carattere al gioco su più livelli. Cosa avete trovato confuso o poco chiaro? La fase di creazione dei personaggi che… Leggi il resto »

Daniele Sanna
Daniele Sanna
17/07/2019 20:22
Reply to  koboldinabox

Grazie mille per la recensione e per il tempo dedicato ad essa e alla lettura del gioco! La fase di creazione dei personaggi è approfondita in quando da una parte mira a creare empatia con essi, dall’altra è già una fucina di spunti per le future storie – cosa che però effettivamente ho dato per scontata, andrà puntualizzata in una futura revisione del gioco, se mai ci sarà 🙂 Sensatissimo l’appunto su Arcani maggiori e minori, si tratta di una mia svista -_-‘ Dal tuo commento mi rendo invece conto d aver data troppo per scontata la conoscenza della fiction… Leggi il resto »

Beatrice e Filippo
Beatrice e Filippo
21/07/2019 11:09

La veglia Introduzione La veglia è un gioco di storie per quattro giocatori, ambientato, come dice il titolo stesso, durante una veglia funebre, in cui quattro personaggi raccontano le storie del defunto. Ci è sembrato che questo gioco tragga ispirazione sia dai giochi di ruolo che dai giochi di narrazione. Cosa ci è piaciuto Di questo gioco abbiamo innanzitutto apprezzato il potere evocativo e in qualche modo anche la solennità. Le meccaniche sono abbastanza semplici, ma usate in maniera molto elegante e descritte in maniera comprensibile e immediata. L’uso dei tarocchi non è meramente estetico, ma funzionale sia alle meccaniche… Leggi il resto »

Daniele Sanna
Daniele Sanna
24/07/2019 23:00

Wow, grazie mille per la recensione! Grazie per il tempo dedicato a leggere il gioco e per il tempo dedicato a scrivere quanto sopra!

Mi rieservo di trasformare la vostra (giustissima) domanda in spunto per una futura riscrittura del gioco: l’idea di tematizzare una partita in funzione della variabile di tarocchi scelta è spettacolare 🙂

Grazie!!!!

Mattia Belletti e Marco Spelgatti
Mattia Belletti e Marco Spelgatti
27/07/2019 22:22

Recensione di Mattia Belletti e Marco Spelgatti Paragrafo introduttivo I lettori di Sandman riconosceranno ne La veglia un’atmosfera simile all’ambientazione dell’omonimo capitolo della saga. Quattro personaggi incredibili si incontrano durante la veglia di qualcuno dal potere incommensurabile, e in attesa del funerale si racconteranno fiabe e leggende che mostreranno il loro rapporto col defunto. Cosa vi è piaciuto del gioco? Nonostante le istruzioni apparentemente molto schematiche, la storia che ne risulta è decisamente libera e ricca. Sono interessanti i due livelli di narrazione (storia e veglia). Testo e meccaniche sono semplici e chiare. Cosa avete trovato confuso o poco chiaro?… Leggi il resto »

Daniele Sanna
Daniele Sanna
28/07/2019 01:47

Grazie della vostra recensione, del tempo speso a leggere il gioco, a scrivere quanto sopra…e addirittura a provare una scena!!! Non vi conosco ma vi voglio bene priori e a prescindere!!! Micro e Macro hanno bisogno di mooooolti più esempi e spiegazioni, sono assolutamente d’accordo che ora come ora il manuale è troppo scarno e che mi servirebbe più spazio per comunicare ciò che ho in testa in maniera adeguata 🙁 Il problema dei tarocchi è effettivamente una mio errore davvero macroscopico -_-‘ La sinteticità delle scene è invece fortemente voluta: in testa ho sempre avuto un gioco che si… Leggi il resto »

Mattia Belletti e Marco Spelgatti
Mattia Belletti e Marco Spelgatti
07/08/2019 18:27
Reply to  Daniele Sanna

Il discorso della potenziale complicazione causata da atmosfere diverse in testa ai diversi giocatori è invece più problematico: ho pensato molto a come risolverlo e credo che lascerei il gioco così – ovviamente ampliandolo con esempi, immagini e altro che possa esplicitare il mood – solo dopo averlo a lungo playtestato. Il problema di coerenza secondo noi era all’interno della singola scena, mentre poteva essere molto interessante invece avere toni diversi in storie diverse, proprio come pensavi tu. Un semplice accordo tra giocatori a inizio scena, come in Lovecraftesque, potrebbe funzionare? Meno di quattro giocatori? Boh, lo mettiamo come stretch… Leggi il resto »

Daniele
Daniele
11/08/2019 12:17

Allora, capisco quello che intendete ma a livello di intento di design non lo reputo un problema 🙂 Mi spiego meglio con un esempio: l’altra sera leggevo a mia figlia una fiaba russa. Ecco, era la quint’essenza dell’incoerenza! Deus ex machina che spuntano a caso, espedienti magici senza alcuna soluzione di continuità o coerenza interna, rivelazioni e twist a raffica senza alcuna logica…insomma: una figata pazzesca!!!! Ecco, credo che il rischio più alto sia questo: di giocare scene che assomiglino ad una fiaba russa! E mi piace! Certo, il tutto va diffusamente playtestato e quanto sopra deve essere indicato nel… Leggi il resto »