11
Lascia una recensione

avatar
5 Comment threads
6 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
GiuseppeDaniele FusettoDaniele BarbagliaFrancesco ZaniAndrea Ortino Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Andrea Ortino
Ospite

Introduzione Psicostatia è un gioco da tavolo diviso in due fasi: -Nella prima fase, i giocatori “acquisteranno” delle carte “Peccato o Espiazione” a cui è attribuito un valore o “peso” differente. -Nella seconda fase, i giocatori avanzeranno in un tabellone automaticamente di un passo a turno, a cui potrebbero essere aggiunti eventuali passi addizionali dovuti al lancio di monete utilizzate come mezzo per “Espiare i Peccati” prima della fine. Il giocatore che raggiunge la fine del tabellone con il peso uguale a 0 vincerà la partita. Cosa mi è piaciuto La fase di preparazione è molto interessante. Mi piace in… Leggi il resto »

Giuseppe
Ospite

Grazie Andrea, soprattutto per i consigli che vanno a toccare le note dolenti di design di cui siamo consci. Per questione di tempo non abbiamo potuto testare le idee che avevamo sulle “azioni” da legare alle carte Peccato ed Espiazione e questo ha influito anche sulla prima parte del gioco. C’é da chiedersi perché si dovrebbe comprare una carta piuttosto che un’altra. Quando avremo messo a punto i “poteri” delle carte, la risposta sarà legata alla strategia del singolo giocatore. Il titolo richiama la cerimonia di “pesatura del cuore” dell’Antico Egitto, come spiega l’introduzione. Gli altri richiami sono la disposizione… Leggi il resto »

Daniele Barbaglia
Ospite
Daniele Barbaglia

# Recensione di Daniele Barbaglia Psicostatia è un gioco da tavolo basato sull’uso di alcune carte chiamate Peccati ed Espiazioni che serviranno ad arrivare in fondo ad un percorso di 10 caselle. Il gioco si divide in 2 fasi: nella prima i giocatori acquisteranno le carte con delle risorse date ad inizio partita, nella seconda si muoveranno sul percorso e le carte Peccati intralceranno la loro via. Vince chi arriva in fondo al percorso. > Mi è piaciuto È stata data un’idea buona riassumendo i passaggi essenziali senza troppi fronzoli. Mi piace che i giocatori debbano gestire una “valuta” all’interno… Leggi il resto »

Giuseppe
Ospite

Ciao Daniele, purtroppo il tempo tiranno non ci ha permesso di essere chiari con la stesura del manuale. Lo scopo del gioco non è arrivare a fine tabellone (che inizia dalla punta della coda, come segnato nell’immagine), ma smussare i propri peccati prima di raggiungere la testa del serpente. I segnalini si muoveranno inesorabili verso il giudizio divino, a volte velocemente perché hanno con se peccati gravi, altre volte piu lentamente. Il gioco sembra andare avanti da solo, manca una parte che non siamo riusciti a testare: i “poteri” delle carte. Ossia delle azioni che introducono la possibilità di diverse… Leggi il resto »

Daniele Barbaglia
Ospite
Daniele Barbaglia

Ciao Giuseppe,

Quindi la marcia sul serpente è solo una specie di contatore per i giocatori, da quel che ho capito ora. Nel momento in cui un giocatore arriva in fondo al percorso, termina la partita per sè o per tutti? Oppure si continua finchè non sono terminati i peccati da smussare?

Buona continuazione!

Giuseppe
Ospite

Ogni giocatore termina il suo gioco quando raggiunge la testa del serpente. In questa fase infatti l’interazione tra giocatori praticamente è nulla. Potrebbero “vincere” tutti, arrivando a fine percorso con peso pari a zero, oppure perdere tutti perchè non riescono a smussare tutti i loro peccati prima di raggiungere la testa del serpente. La marcia è effettivamente un contatore di un passo per turno, ma si incrementa quando il tiro delle monete fallisce.

Francesco Zani
Ospite
Francesco Zani

Il gioco di Daniela, Giuseppe e Gianluca è conciso e dritto al punto. Ho apprezzato la divisione in due fasi che costruiscono l’una sull’altra, la semplicità del tutto si presta facilmente ad essere un gateway per esperienze più complesse. Purtroppo le spiegazioni soffrono di poca chiarezza in alcuni punti: temo manchino importanti informazioni sul funzionamento dell’acquisto di risorse (es. se parto con 0 punti perché sono il secondo giocatore come faccio ad acquistare? C’è un qualche modo di recuperare i punti per acquistarne altre?). Sfugge anche la ragione per cui s’è scelto di dividere le carte in due categorie (peccati… Leggi il resto »

Giuseppe
Ospite

Ciao Francesco, ci rendiamo conto che il manuale non è proprio chiaro in alcune parti. Per esempio, le risorse che ogni giocatore spende nel suo turno vanno ridistribuite agli altri giocatori. Quindi se sei il secondo, quando arriverà il tuo turno avrai una parte delle risorse spese dal primo giocatore. Per quanto riguarda le carte invece, le espiazioni non danno peso, quindi è già un grosso vantaggio averle. Manca poi una parte di gioco che non siamo riusciti a testare, che riguarda le “azioni” associate ad ogni carta. Ogni peccato espiato darà un “potere” al giocatore, un vantaggio da giocare… Leggi il resto »

Giuseppe
Ospite

Ciao Daniele, purtroppo il tempo tiranno non ci ha permesso di essere chiari con la stesura del manuale. Lo scopo del gioco non è arrivare a fine tabellone (che inizia dalla punta della coda, come segnato nell’immagine), ma smussare i propri peccati prima di raggiungere la testa del serpente. I segnalini si muoveranno inesorabili verso il giudizio divino, a volte velocemente perché hanno con se peccati gravi, altre volte piu lentamente. Il gioco sembra andare avanti da solo, manca una parte che non siamo riusciti a testare: i “poteri” delle carte. Ossia delle azioni che introducono la possibilità di diverse… Leggi il resto »

Daniele Fusetto
Ospite

Recensione Presentazione “Antico Egitto. Siete morti.” Così inizia Psicostasia, un gioco da tavolo di due pagine in cui noi poveri malcapitati giocatori dovremmo svenderci tutto il corredo funebre per poter affrontare la Pesatura dell’Anima o Psicostatia. Anubi, infatti, non trova il nostro nome sul Libro dei Morti e sembra essere dannoso rimanere fermi nel limbo tra regno dei vivi e dei morti. L’unica fortuna in questa totale sfiga è che possiamo mentire ad Anubi: non è detto che i ricordi offerti insieme al corredo siano per forza nostri. Ma non possiamo neanche tirar troppo la corda, altrimenti Mehen, il serpente… Leggi il resto »

Giuseppe
Ospite

Grazie Daniele, il tuo punto di vista e le tue considerazioni ci hanno stimolato e penso che i rimetteremo presto a lavoro. Intanto mi assumo la colpa dell’errore sul titolo del gioco: ero convinto che la cerimonia a cui ci riferiamo si chiamasse Psicostatia, perchè statia è un tipo di bilancia, e non sono andato a controllare. Per quanto riguarda invece i nomi e i ruoli delle divinità egizie invece credo sia una confusione generale del nostro gruppo! Sicuramente saremo più accurati col prossimo editing. Lo abbiamo pensato come gioco da tavolo, in cui peccati ed espiazioni sono pretesti per… Leggi il resto »