11
Lascia una recensione

avatar
4 Comment threads
7 Thread replies
5 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
Helios PuDanieleAntonio AmatoLorenzo TrentiAlberto Muti Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Helios Pu
Ospite

PREMESSA Gioco di ruolo con forti elementi di gioco da tavolo. Alcuni editori potrebbero proporre di tagliare completamente la parte di interpretazione trasformandolo esclusivamente in un gioco di carte, plance e segnalini. PRO • Non ho avuto modo di provarlo ma dalla lettura le meccaniche sembrano ben congegnate per “spingere” la fiction secondo gli intenti del gioco. • Quello che a prima vista avrei descritto come un “CONTRO”, ovvero i 4 personaggi di 4 razze fantasy, in questo specifico caso diventa un repertorio mentale usato con intelligenza anche per personalizzare davvero i modi di giocare. CONTRO • L’esposizione è molto… Leggi il resto »

Daniele
Ospite
Daniele

Ciao Helios, intanto grazie mille per il tuo feedback. Chiedo scusa se rispondo tardi ma non volevo darti una risposta frettolosa e il tempo è sempre poco. Seguo un po’ il flusso del tuo commento partendo proprio dalle prime righe. Perché dici che è un gioco di ruolo? Non mi pare di averlo mai definito così né mi pare ne abbia gli elementi o sbaglio? Sì, il gioco ha più il taglio di un boardgame destinato a giocatori di ruolo. Ne sfrutto appieno le esperienze fittizie comuni. In realtà ho voluto creare un boardgame con uno spazio immaginario condiviso. Le… Leggi il resto »

Helios Pu
Ospite

Ciao Daniele, l’impressione a una prima lettura è che fosse un GDR e perché ogni giocatore gestisce un suo alter ego ma soprattutto perché c’è una componente determinante di “Invenzione di fiction”. Non esistono altri giochi tabletop dove si inventi fiction attorno a un personaggio su cui il giocatore ha esclusiva autorità che non siano giochi di ruolo, a parte forse “Sì Oscuro Signore” che è un GDR travestito da gioco di carte. Dalla lettura l’ho trovato molto “trasversale” e credo sia proprio il suo vero punto di forza. Dico che è “allo stato grezzo” perché anziché avere delle carte… Leggi il resto »

Daniele
Ospite
Daniele

Grazie Helios per la risposta. Devo dirti che questo è un aspetto inaspettato del mio gioco. Mi fa piacere che tu me l’abbia evidenziato ma ammetto che non era intenzionale. “Non esistono altri giochi tabletop dove si inventi fiction attorno a un personaggio su cui il giocatore ha esclusiva autorità che non siano giochi di ruolo, a parte forse “Sì Oscuro Signore” che è un GDR travestito da gioco di carte.“ Con questo vuoi dirmi che il mio gioco è innovativo e che avrà un ampio spazio nel mercato o che semplicemente è catalogato come GDR? 😀 Come dicevo in… Leggi il resto »

Helios Pu
Ospite

“…Con questo vuoi dirmi che il mio gioco è innovativo e che avrà un ampio spazio nel mercato o che semplicemente è catalogato come GDR?…” > Sì trovo il tuo gioco molto innovativo e PROPRIO A CAUSA DI QUESTO non può avere spazio nel mercato, che guarda solo le belle illustrazioni senza capire un nulla (ma nulla) di game-design. “…Non ci sono meccaniche che guidino alla costruzione di una BELLA storia quindi temo che il risultato in questi termini possa essere scadente…” > Come non ci sono BRAVIMASTER io credo che non ci siano neppure BELLESTORIE. Una volta che avete… Leggi il resto »

Alberto Muti
Ospite
Alberto Muti

In Quella volta in cui, dei vecchi avventurieri ormai “in pensione” raccontano storie dei loro giorni di gloria e azione, litigando a volte sui particolari. Il gioco è competitivo, con i giocatori che cercano di ottenere la maggiore influenza possibile sulle varie storie raccontate. Per ogni “manche” (una vecchia impresa che viene ricordata e raccontata), ogni giocatore ha un obiettivo, rappresentato da un particolare elemento narrativo che deve inserire nella storia. I giocatori possono anche “smussare” i ricordi altrui, contraddicendoli o cambiandoli. Il gioco presenta una struttura basata su turni, azioni e punti quasi affine ai giochi da tavolo (anche… Leggi il resto »

Daniele
Ospite
Daniele

Ciao Alberto, grazie infinite per la tua recensione e per l’analisi accurata. Apprezzo molto il tempo dedicato! Come avrai capito, non sono molto istruito sul game design e ti chiedo se puoi spiegarmi meglio perché consideri questo gioco un gioco di narrazione. è vero, c’è uno spazio immaginario condiviso ma lo ritengo una cosa che valorizza il boardgame. Cioè il design è partito dal boardgame arricchendolo con una fiction costruita dalle esperienze comuni dei giocatori. Capisco che il regolamento non sia chiaro su questo e potrebbe creare delle aspettative che non soddisfa. Effettivamente, se fosse un gioco che punta alla… Leggi il resto »

Lorenzo Trenti
Ospite

Quella volta in cui è un gioco narrativo competitivo in cui alcuni avventurieri ormai anziani rievocano le loro imprese di gioventù. Il gioco è competitivo perché ogni giocatore ha un obiettivo segreto da raggiungere; la storia viene raccontata a turno e attraverso l’uso di alcune azioni è possibile anche interferire con i ricordi altrui, “smussandoli” e dirottando quindi la narrazione verso il proprio obiettivo. L’uso di carte, segnalini e dadi come contatori conferisce un tocco di boardgame al gioco. Cosa mi è piaciuto del gioco L’idea in generale è molto carina, così come l’aspetto boardgamistico. Bella l’idea delle “Memoria del… Leggi il resto »

Daniele
Ospite
Daniele

Ciao Lorenzo, grazie mille per aver dedicato del tempo a revisionare il mio gioco. Anzi, grazie il doppio visto che a causa del nome ambiguo ne hai dovuti revisionare due 😀 Anche a te rivolgo la domanda: Perché pensi sia un gioco narrativo? A questo punto è palese che ho sbagliato qualcosa nell’esposizione e nel chiarire gli obiettivi. Se il gioco crea delle attese di creare una bella storia, credo proprio non soddisfi le aspettative. Non ci sono meccaniche che guidino in questo e quindi condivido appieno tutte le tue perplessità. L’intento di design è di inserire uno spazio immaginario… Leggi il resto »

Antonio Amato
Ospite

Avvertenza: questa recensione non arriva solo in ritardo, ma si porta dietro anche il carico di giornate non esattamente allegre. Questo solo per dire che avrei voluto fare di più e fare di meglio. Pertanto ti chiedo di prendere con le pinze ciò che ho scritto e di rispondermi qui o contattarmi di persona per parlarne (anche tramite Hangouts): ti devo una recensione più completa di quella che troverai qui sotto. Scusami. Quella volta in cui è un gioco competitivo per narrare le storie di un gruppo di avventurieri oramai in pensione. Dichiaratamente ispirato alle avventure vissute con il proprio… Leggi il resto »

Daniele
Ospite
Daniele

Ciao Antonio, tranquillo, non preoccuparti! Il gioco è bello ma nella vita ci sono anche altre priorità!!! Grazie invece per aver condiviso comunque i tuoi commenti e congratulazioni per aver vinto. (e spero che il periodo difficile non c’entri nulla col tema del tuo gioco) Il gioco non nasce per raccontare una storia ma per evocare storie già vissute dal gruppo di giocatori. Le cita, ne fa un rimando ma non credo sia adatto a crearne delle storie nuove. O meglio, nulla vieta di riuscirci ma non ci sono effettivamente meccaniche che guidino la creazione di una bella storia. Ho… Leggi il resto »