Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Marco Mengoli
16/07/2017 19:16

Recensione di Marco Mengoli Roller Coaster è un gioco di ruolo per 4 giocatori e un Guardiano in cui si interpretano arzilli Anziani ospiti di una prestigiosa Casa di Riposo che vengono convinti a recarsi al vicino Luna Park per un ultimo giro di giostra. Il passato del personaggio e le sue abitudini deleterie vengono create attraverso una serie di flashback chiamati Echi del passato; una volta conclusi, il gruppo si troverà nel presente su una giostra nel tentativo di far superare al personaggio protagonista le pessime abitudini acquisite nel corso del tempo. Il sistema di acquisizione di Tratti dal… Leggi il resto »

Enrico Pasi
Enrico Pasi
17/07/2017 11:55
Reply to  Marco Mengoli

Ciao Marco, grazie della recensione. Se ho capito bene, leggendo il gioco hai dedotto che i dadi del Guardiano una volta persi non sono più recuperabili: ecco perché, a ragione, dici “avendo in tutto a disposizione soltanto i tre dadi del Guardiano è molto probabile che il gioco si concluda al primo Giro di Giostra…”. In realtà il Guardiano ad ogni flashback riparte con tre dadi. Sicuramente mi è sfuggito chiarire questo punto…:(

Daniele Di Rubbo
Admin
Daniele Di Rubbo(@danieledirubbo)
17/07/2017 12:00
Reply to  Enrico Pasi

Puoi sempre precisarlo nella versione aggiornata che rilascerai (spero) dopo questo Game Chef. 😉

Enrico Pasi
Enrico Pasi
17/07/2017 12:45

Lo farò!

Marco Mengoli
17/07/2017 16:27
Reply to  Enrico Pasi

In realtà, correggimi se ho capito male, ho letto la cosa in questo modo: si arriva al primo giro di Giostra e possono succedere tre cose: 1) il guastafeste tira sotto la Soglia di Rigidità. Game Over sempre 2) il guastafeste non tira sotto la Soglia mentre i due altri dadi la superano (o, se il guastafeste avesse avuto due dadi, basterebbe un solo dado) Game Over 3) il guastafeste non tira sotto la Soglia e solo uno degli altri due dadi la supera (oppure l’unico altro dado la supera, se il guastafeste aveva due dadi): si passa a un… Leggi il resto »

Marco Mengoli
17/07/2017 16:28

Nel punto 3) dovevo scrivere tra parentesi “e l’altro dado non la supera”, scusate.

Gabriele Boldreghini
Gabriele Boldreghini
18/07/2017 16:33

Un gruppo quattro vecchietti da ospizio, ognuno con il suo bagaglio di ricordi ed esperienze, si ritrova in gita al luna park. Mentre decidono con che giostra divertirsi, rivivranno il proprio passato facendo emergere aspetti del proprio carattere… aspetti che potrebbero rovinare il divertimento di tutti. Un quinto giocatore ha il ruolo di Guardiano e li accompagnerà in questo viaggio tra giostre e ricordi. L’idea di avere questi personaggi anziani solo abbozzati da una breve autobiografia, che però sarà lo spunto per creare in gioco il loro passato, può portare a un tipo di gioco molto intenso, favorendo una narrazione… Leggi il resto »

Alessandro Piroddi
19/07/2017 16:07

IL GIOCO Quattro anziani in libera uscita dall’ospizio, fra ricordi, giostre e litigi. Il gioco usa una meccanica di scommessa basata sulla spesa e conquista di dadi, poi usati come getoni narrativi per delineare scene e personaggi. Scopo e finale sono… un pelo vaghi 😛 – COSE BELLE Il tema secondo me è geniale. Mi ricorda film come Cocoon (1985) o anche il bellissimo St Vincent (2014). Purtroppo il design finale lascia questa aspettativa piuttosto delusa, ma c’è materiale su cui lavorare, e l’idea di fondo resta valida. Col dovuto sviluppo il gioco potrebbe davvero essere bellino. Bella anche l’idea… Leggi il resto »

Francesco Zani
Francesco Zani
20/07/2017 19:18

Recensione Pitch Si tratta di un gioco per 5 persone in cui si racconta la visita ad un lunapark da parte di 4 anziani. Il gioco è strutturato in Echi del passato, ovvero il racconto della vita passata degli anziani, Giri di giostra, ovvero il racconto degli avvenimenti attuali e di cosa succede durante la visita al lunapark, e narrazioni libere che fanno da tessuto connettivo. Cosa mi è piaciuto Tra gli elementi che ho apprezzato ci sono il “Taglio Narrativo”, che di fatto è uno spunto tematico per gli echi del passato (avrei adorato che desse suggerimenti su come… Leggi il resto »

Iacopo Frigerio
Iacopo Frigerio
25/07/2017 17:57

Non ho ancora letto il gioco, quindi non ho ancora una mia opinione, ma devo ammettere che leggendo le recensioni ho delle perplessità, non capisco se il gioco meccanicamente funziona o no. Mi stupisce che le revisioni in questo aspetto divergano in modo così netto, dato che ritengo non sia una questione di opinione.

Certo mi farò la mia idea leggendolo, ma volevo approfittarne per sottolineare la curiosità di divergenze così marcate.